limoni pompelmi e agrumi

Limoni

ImmagineI benefici del limone sulla salute, sono dimostrati in diversi casi: infezioni della gola, cattiva digestione, stipsi, problemi ai denti, febbre, cura dei capelli, cura della pelle, emorragie interne, reumatismi, ustioni, sovrappeso, disturbi respiratori, il colera e la pressione alta. Il limone è noto per le sue proprietà terapeutiche da diverse generazioni, il limone aiuta a rafforzare il sistema immunitario e purifica l’apparato digerente. E non è solo un depuratore del sangue, ma aiuta anche il corpo a combattere le malattie. Il succo di limone, in particolare, è molto utile nel trattamento dei calcoli renali, nelle cure degli attacchi di cuore e nella riduzione della temperatura corporea.

I benefici del limone sulla salute sono dovuti a molti elementi in esso contenuti, come la vitamina C, la vitamina B, il fosforo, le proteine ed anche carboidrati. Il limone è un frutto che contiene flavonoidi, i quali, a loro volta, contengono elementi antiossidanti e proprietà anti-cancro.

Aiuta a prevenire il diabete, la stipsi, l’ipertensione, è utile nella cura della pelle, nel trattamento della febbre, nella cura dei capelli, in occasione di terapie odontoiatriche, in caso di indigestione e in molti altri problemi di salute. Studi condotti presso l’American Urological Association evidenziano anche che il succo di limone o una limonata siano in grado di curare i calcoli renali formando citrato urinario, che impedisce la formazione dei cristalli.

La gente utilizza il limone per fare limonate, mescolandone il succo con acqua e zucchero. Molte persone usano il limone come un detersivo, per rimuovere le macchie. Il limone può anche respingere le zanzare. Bere del succo di limone con olio d’oliva, aiuta a sbarazzarsi di calcoli biliari. Inoltre, in base a risultati riportati da uno studio sulle Malattie Reumatiche, il limone fornisce una valida protezione contro la poliartrite infiammatoria e l’artrite.

Proprietà e benefici del limone:

  1. Indigestione e stitichezza: il succo di limone aiuta a curare problemi legati alla digestione e alla costipazione. Si consiglia di aggiungere qualche goccia di limone nel cibo (attenzione: non nel latte!). Dopo un buon pranzo o una cena, si può bere della limonata fresca. La ricetta è la seguente: aggiungere al succo di limone, un po’ d’acqua fredda, della soda, del sale comune o del sale di salgemma e zucchero o miele; mescolare il tutto in un bicchiere. È inoltre possibile aggiungere alcune foglie di menta o semi di finocchio.
  2. Febbre: il succo di limone può favorire la guarigione di una persona che soffre di raffreddore, influenza o febbre. Aiuta la sudorazione.
  3. Cura dentale: se il succo di limone fresco viene applicato sulle aree del mal di denti, il dolore può attenuarsi. I massaggi di succo di limone sulle gengive possono fermare le emorragie gengivali. Migliora l’alitosi causata da problemi legati alle gengive. Inoltre, il limone può essere utilizzato anche nella pulizia regolare dei denti. E’ possibile cercare un dentifricio contenente limone o aggiungere una goccia di succo di limone al dentifricio usato abitualmente. Alcune persone strofinano i denti utilizzando la buccia del limone, ma … è necessario fare attenzione: se la bocca comincia a “bruciare”, bisogna risciacquare rapidamente!.
  4. Cura dei capelli: il succo di limone, se applicato sul cuoio capelluto, può attenuare alcuni problemi come la forfora, la caduta dei capelli e altri problemi relativi alla cute e capelli. Inoltre, dona una lucentezza naturale.
  5. Cura della pelle: il succo di limone, essendo un antisettico naturale, può risolvere problemi legati alla pelle. Agisce sule scottature. Aiuta ad ottenere sollievo in seguito alla puntura di un’ape. Il succo di limone può essere applicato anche sulla pelle acneica e in caso di eczema. Agisce come un rimedio anti invecchiamento e può rimuovere rughe e punti neri. Bere del succo di limone mescolato con acqua e miele dà lucentezza alla pelle.
  6. Ustioni: Il succo di limone, applicato sulle zone ustionate, aiuta ad attenuare le cicatrici. E riduce la sensazione di bruciore sulla pelle.
  7. Emorragie interne: il limone possiede proprietà antisettiche e coagulanti, perciò può fermare le emorragie interne. È possibile applicare il succo di limone su un batuffolo di cotone e riporlo dentro al naso per fermare l’emorragia.
  8. Reumatismi: il limone è anche un diuretico ed è in grado di trattare reumatismi e artrite.
  9. Perdita di peso: se una persona assume del succo di limone mescolato con acqua tiepida e miele, può ridurre il peso del corpo corporeo, associando il tutto ad una dieta adeguata.
  10. Disturbi respiratori: il succo di limone aiuta a curare i problemi respiratori, essendo una fonte ricca di vitamina C.
  11. Colera: le malattie come il colera o la malaria possono essere trattate con succo di limone, poiché esso agisce come purificatore del sangue.
  12.  Piedi: il limone ha proprietà aromatiche e antisettiche ed favorisce il benessere dei piedi. Si consiglia di aggiungere un po’ di succo di limone in acqua calda e di immergervi i piedi.
  13. infezioni della gola: il limone aiuta a combattere i problemi legati ad infezioni della gola, poiché possiede proprietà anti – batteriche.
  14. Ipertensione: bere succo di limone è utile per le persone che soffrono di problemi cardiaci poiché contiene potassio. Controlla la pressione alta, le vertigini, la nausea e favorisce il rilassamento di mente e corpo. Riduce lo stress mentale e la depressione.

Il limone è un vero e proprio dono della natura. Quindi… si consiglia di mangiare almeno un quarto o la metà di un limone al giorno!


Pompelmi

ImmaginePer fare un pieno di salute e benessere abbiamo bisogno di prendere il meglio da tutto ciò che la natura ci mette a disposizione. Ecco un vademecum di tutte le possibili fonti di benessere dalla A alla Z.

  • A – ANTIOSSIDANTI: il pompelmo ha effetti antiossidanti, aiuta cioè a contrastare i radicali liberi, dannosi per l’integrità cellulare. I radicali liberi sono attivati dall’inquinamento, dal fumo, dalle radiazioni, dallo stress fisico e mentale. Questo prezioso agrume contiene molteplici antiossidanti, tra i quali la naringenina, utile per contrastare patologie metaboliche come il diabete e l’ipercolesterolemia. In particolare, mentre il pompelmo giallo contiene vitamina C, potente antiossidante in grado di contrastare raffreddore e d influenza, il pompelmo rosso contiene antociani e licopene protettivi della circolazione, anti-diabetici e preventivi dei tumori.
  • B – BUCCIA: la buccia del pompelmo contiene sostanze quali il pinene, il limonene, il linalolo, il citrale a cui si riconosce un’azione antisettica, anti-depressiva e sulla circolazione.
  • C – CALORIE: un pompelmo contiene solo 26 kcal per 100 g di prodotto; bastano 20 minuti di semplice camminata per consumare l’energia introdotta con un frutto di circa 200 grammi.
  • D – DIGESTIVO E DISINTOSSICANTE: il pompelmo stimola la secrezione dei succhi gastrici e biliari avendo quindi proprietà digestive ed aperitive. E’ inoltre un frutto altamente disintossicante, che ha il potere di eliminare dai liquidi interni (soprattutto la linfa) le sostanze di scarto senza lasciare fiacchi e indeboliti, come spesso accade utilizzando altri tipi di drenanti.
  • E – ENERGETICO: il pompelmo, e in misura maggiore quello rosso, contiene zuccheri (per un totale di 6.89 gr/100 gr), utile a chi fa sport ed ha bisogno di energia a pronto utilizzo.
  • F – FENILALANINA: è un aminoacido contenuto nel pompelmo in grado di favorire il transito intestinale ed è un vero e proprio “interruttore” del senso di sazietà. Per tale proprietà il pompelmo vede un uso diffuso nelle diete dimagranti.
  • G – GRASSI: per le proprie peculiarità, il pompelmo è un alimento indicato a fine pasto per le persone in sovrappeso, in quanto pare che contribuisca a ridurre l’assorbimento dei grassi.
  • H – H2O: il pompelmo contiene il 92% di acqua e per questo si rivela un prezioso alleato per riequilibrare i liquidi persi durante il giorno ed in particolare con l’attività fisica.
  • I – IMMUNITARIO: il pompelmo stimola e rinforza il sistema immunitario contrastando i batteri. Studi hanno dimostrato che l’Estratto di Semi di Pompelmo possiede un ampio spettro germicida: antivirale, antibatterico, antimicotico ed antiparassitario. La forza di questo “antimicrobico naturale”, rispetto ad altri farmaci ed antimicrobici di sintesi, deriva dalla sua notevole efficacia associata ad un’assoluta mancanza di tossicità. Nello specifico, è scientificamente provato che l’estratto di semi di pompelmo è efficace contro 800 tipi di batteri e 100 varietà di funghi, senza danneggiare la flora batterica intestinale.
  • L – LIMONENE: è la sostanza responsabile del gusto acido, protettiva perché dotata di proprietà antitumorali.
  • M – METABOLISMO DEGLI ZUCCHERI: il pompelmo migliora il metabolismo degli zuccheri, ossia aiuta a bruciare gli zuccheri più in fretta, impedendo che vengano accumulati sotto forma di grassi (cuscinetti di grasso in eccesso).
  • N – NARINGENINA: è il flavonoide presente in quantità maggiore nel pompelmo; grazie all’elevato potere antiossidante, la naringenina è in grado di aiutare il fegato e prevenire l’insorgere di malattie cardiovascolari e presenta anche proprietà anti-tumorali. E’ la sostanza che regala al frutto il caratteristico sapore amarognolo.
  • O – OLIO: l’olio contenuto nella buccia del frutto viene impiegato soprattutto nell’aromaterapia per alcune proprietà: è tonico ed euforizzante, contrasta lo stress sia mentale che fisico, ridona tono alla pelle e ai muscoli, stimola il sistema linfatico e l’appetito. Alcune gocce di olio essenziale di pompelmo nell’acqua del bagno aiutano a superare sia lo stress che il jet-lag dei viaggiatori.
  • P – PRESSIONE: alcuni studi evidenziano un’influenza del frutto nella diminuzione della pressione arteriosa.
  • Q – QUALITA’: per essere di ottima qualità il pompelmo deve essere molto succoso, lucido, con la buccia tesa e molto aderente alla polpa; non deve inoltre presentare macchie o ammaccature.
  • R – ROSSO: la varietà rossa del pompelmo si differenzia dall’originale frutto soprattutto per il minore contenuto di vitamina C ed il maggior contenuto di fruttosio (1,77 gr per 100 gr) che conferisce all’agrume un sapore più dolce. Con questa caratteristica e la capacità di migliorare le performance atletiche, il pompelmo rosso si pone si vertici delle preferenze alimentari di chi fa molto sport ed ha bisogno di energia a pronto utilizzo.
  • S – SUCCO: impiegato soprattutto come bevanda rinfrescante, il succo di pompelmo riduce il senso di fame e permette un miglior controllo dell’appetito durante una dieta dimagrante. E’ inoltre un valido diuretico naturale.
  • T -TASSO DI COLESTEROLO: studi hanno dimostrato che è sufficiente mangiare un pompelmo rosso al giorno per diminuire del 20% i livelli di colesterolo LDL (cattivo) e proteggere così l’apparato circolatorio.
  • U – USO: il pompelmo può esser consumato a crudo al naturale o in deliziosi dessert; molto apprezzato è il succo che può esser aggiunto anche a tisane e infusi; agrume versatile si presta anche ad alcune ricette salate, per la preparazione di piatti dal sapore esotico.
  • V – VITAMINE: il pompelmo contiene prevalentemente vitamina C, circa 40 mg su 100 gr, pari al 44% della dose giornaliera consigliata. La vitamina C ha molteplici funzioni ed è importante soprattutto per il corretto funzionamento del sistema immunitario, la protezione della pelle dall’azione aggressiva dei raggi solari e la sintesi del collagene nell’organismo. Il collagene rinforza i vasi sanguigni, la pelle, i muscoli e le ossa.
  • Z – ZERO: sono zero i grammi di grasso contenuto in un pompelmo.

Agrumi

Immagine

In sintesi  le tipologie e le caratteristiche principali degli agrumi:

Tutti gli agrumi hanno in comune alcune caratteristiche: il sapore più o meno agro e dolce, il succo molto rinfrescante e il fatto di essere disponibili per la maggior parte dell’anno.
Le proprietà dietoterapiche di tutti gli agrumi sono molto simili e sono dovute alla provata combinazione di vitamina C e minerali, assieme ai componenti non nutritivi (elementi fitochimici).

AZIONE ANTICANCEROGENA

Gli agrumi inoltre contengono una combinazione particolarmente equilibrata di sostanze anticancerogene: vitamina C, flavonoidi, limonoidi e pectina.. Tutte queste sostanze si potenziano reciprocamente e riescono a conseguire un forte effetto anticancerogeno. Questo vuol dire che ognuna di esse, isolata e purificata, non è così efficace quando viene ingerita come parte di un’arancia o di un limone. L’azione anticancerogena di questi componenti è stata dimostrata somministrando agrumi ad animali di laboratorio: gli esperimenti hanno confermato i risultati statistici che ponevano in relazione il consumo di agrumi con una minor incidenza di casi di cancro.

Vitamina C

E’ un potente antiossidante e antitossico, capace di neutralizzare varie sostanze cancerogene come le notrosamine che si formano nella carne stagioanta e negli insaccati. Inoltre, al vitamina C migliora la funzione del sistema immunitario contro le malattie infettive e contribusice ad arrestare la proliferazione delle cellule cancerogene.

Flavonoidi

Sono componenti non nutritivi degli alimenti, chiamati anche elementi fitochimici, presenti nella maggior aprte dei frutti. Un tenmpo si penmsava che la loro funzioen fosse unciamente quella di cofnerire colore alla frutta. Oggi sappiamo che possiedono un grande potere curativo e preventivo e che agiscono come antiossidanti, antiinfiamamtori e anticancerogeni.

Limonoidi

Sono una delle molte sostanze aromatiche presenti engli agrumi, soprattutto nella buccia. Il più conosciuto è il d-limonene che, come ha dimostrato un esperimento su cavie, è capace di neutralizzare le sostanze cancerogene responsabili del cancro dello stomaco e del seno, risucendo a prevenire queste malattie.

Pectina

E’ un tipo di fibra solubile, presente nella polpa e nella pellicola bianca che si trova sotto la buccia principale. La pectina si trova anche in molti altri frutti, come la mela. E’ stato dimostrato che proprio la pectina degli agrumi impedisce la formazione di metastasi del cancro della prostata negli animali da esperimento (topi). Molto probabilmente, la pectina esercita un effetto simile negli uomini, non solo contro il cancro della prostata, ma anche contro altri tipi di tumori.

ALTRE PROPRIETA’ DEGLI AGRUMI

Oltre a raffreddore ed influenza, gli agrumi sono utili contro qualsiasi malattia infettiva, comprese quelle infantili e l’Aids. Sono indicati per contrastare trombosi, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari, correggono la stitichezza e l’atonia intestinale, le allergie, prevenendo rinite o asma bronchiale, combattono la demineralizzazione ossea, l’eccesso di acido urico, aiutano a sciogliere i calcoli e renella urinari, sono ottimi alcalinizzanti, e aiutano anche in caso di malattie della vista come la degenerazione della macula retinica.

PRINCIPALI TIPI DI AGRUMI

Cedro
E’ il primo agrume arrivato in Europa. Voluminoso (raggiunge anche i 2 chili), con buccia gialla e spesso ruvida, contiene meno vitamina C degli altri agrumi, ma è più ricco di calcio.


Limetta

Assomiglia molto al limone, ma il sapore è meno agro e assai più dolce. Contiene un po’ meno vitamina C e B e, per il suo buon aroma, si usa principalmente per la preparazione di limonate e bibite.

Limone

Forse è l’agrume con il maggior numero di usi medicinali scientificamente dimostrati.

Mandarino

E’ l’agrume dal sapore più dolce e delicato.

Arancia amara

Non si mangia cruda, perchè ha un sapore molto forte. Si usa per preparare confetture e gelatine. E’ l’agrume più utilizzato in fitoterapia perche’ le foglie, i fiori e la buccia presentano una concentrazione molto elevata di essenze e di altri principi attivi.

Arancia dolce

E’ l‘agrume più coltivato ed apprezzato, chiamato semplicemente arancia. Per assumere il caratteristico colore arancione, quando sono ancora sul’albero, le arance hanno bisogno di varie notti consecutive di freddo, cosa abbastanza comune nei paesi temperati. Al contrario, nei paesi tropicali si trovano spesso arance mature, ma di colore verde, perchè non hanno subito l’azione del freddo. Il punto di maturazione dell’arancia non si riconosce dal colore esterno, ma dalla proporzione tra lo zucchero e l’acidità del succo. Nei frutti maturi questa proporzione è di circa 6:1, cioè la quantità di zucchero è 6 volte superiore a quella dell’acido. L’arancia dolce è un vero e proprio alimento medicina. Chi vuole aumentare la difese dell’organismo contro le infezioni dovrebbe consumare almeno 4 arance al giorno. Spesso, quando siamo malati, ricorriamo ad integratori vitaminici sintetici facilmente reperibili in farmacia, soprattutto d’inverno in caso di raffreddori ed influenze, ma la miglior medicina è una corretta alimentazione quotidiana. E in inverno, quando gli agrumi sono di stagione, non abbiamo bisogno di integratori di vitamina C, sostanza presente in abbondanza negli agrumi, ma anche nella frutta in generale e negli ortaggi.

Arancia nana (Qumquat)

Si mangia con tutta la buccia, che e’ tenera e leggermente acidula. E’ un frutto molto aromatico e gradevole.

Pompelmo

Combatte l’arteriosclerosi. Si usa nelle diete dimagranti per la sua azione disintossicante.

In riassunto le caratteristiche funzionali:

  • Sono un concentrato naturale di Vitamina C
  • Proteggono e rafforzano le pareti vascolari (grazie alla presenza di flavoni e caroteni)
  • Riducono il rischio di tumori (in particolare dell’apparato digestivo), grazie sopratutto all’azione degli antiossidanti (sopratutto terpeni e polifenoli) che contrastano la riproduzione delle cellule tumorali
  • Hanno un’opzione preventiva nei confronti delle malattie da raffreddamento (raffreddore, influenza…)
  • Possono essere di grande aiuto per il controllo del peso corporeo grazie al buon potere saziante e al basso contenuto calorico
  • Contengono fibre, che hanno un effetto protettivo nei confronti di stipsi, diverticolosi, cancro e riducono l’assorbimento intestinale di zuccheri e grassi
  • Hanno proprietà calmanti in virtù del contenuto di bromo (un sedativo del sistema centrale)
  • Giovano nell’affaticamento fisico e mentale e negli stati di convalescenza
  • Sono consigliati a tutti!